CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Siti Internet.


Pubblicate il 01 Marzo 2018 e modificate il 14 Novembre 2018.

Art. 1.
Oggetto.
Le presenti condizioni generali di contratto disciplinano i rapporti tra la Società e il committente, per quanto riguarda un servizio di creazione; di sviluppo e di implementazione di siti internet in sola lingua italiana a titolo oneroso. Servizi accessori e particolarità richieste dal committente, saranno ordinati, collocati, determinati e disposti in un' accordo cliente appendice a queste condizioni generali di contratto.

Art.2
Definizioni.
a) La Società: Ingranaggi Creativi Srls Piazzale della Resistenza, 4 32100 Belluno P.IVA: 01213600255 C.F: 01213600255 REA: BL - 412610
b) Il committente: Risulta essere sempre la Spettabile all'atto della nostra fatturazione, nonché lo stipulatone con firma di queste condizioni generali di contratto, è' residente in territorio della Repubblica Italiana. La Società non effettua alcun servizio a committenze sprovviste di Partita IVA.
L'utilizzo della fornitura è in suo uso esclusivo, proprio e individuale.
c) File: Filza di documenti; il materiale composto da testi; le immagini; i video ed altro.
d) D.I.C.: Acronimo di: Disposizione implementazione della commessa. Di pubblicazione della Società, viene manifestata e riferita al momento della stipulazione di queste condizioni generali di contratto, insieme alle stesse e eventuale l'Accordo cliente.
e) Accordo Cliente: Contratto d'opera appendice a queste condizioni generali di contratto, disciplinato dal Codice Civile, cui titolo III capo I del lavoro autonomo, ovvero servizi accessori e particolarità richieste dal committente.
In caso di recesso, permangono queste condizioni generali di contratto.
f) Dominio: Definito meglio come dominio di primo livello, è l'ultima parte di un nome seguito dal punto (che in queste condizioni generali di contratto sarà espresso in: ”.it”).
g) Fornitore dominio: Società terza, sottoposta al diritto della Repubblica Italiana, la quale registra in specifiche anagrafe, domini con estensioni “.it”, di durata annuale.
h) Fornitore Hosting: Società terza, sottoposta al diritto della Repubblica Italiana, la quale eroga servizi di hosting a durata annuale.
i) Token: Dispositivo gratuito, terzo, installato sul browser o sullo smartphone del committente; il necessario per effettuare un' autenticazione, al pannello di controllo e gestione dell'elaborato: sito internet.
l) Backup: Si indica la clonazione e il successivo e immediato trasferimento su un qualunque supporto dove memorizzare i file.
m) Template: letteralmente "sagoma" o "calco".
Documento cartaceo, che delinea e definisce assieme al committente, l'esprimere della Società allo stesso di una sagoma o di un calco da seguire che le possa poi disporre successivamente di linee guida per la programmazione in codici informatici quali: i tracciati; i contorni; i colori; i menù; le tonalità e altro del sito internet. Approvato con firma dal committente.
n) Player: lettore multimediale ovvero software per l'esecuzione di file multimediali. La maggior parte dei lettori multimediali supporta vari formati, includendo sia file audio e file video.
0) Ordine di lavorazione: Documento emanato dalla Società avente numero univoco, con la quale determina e definisce l'ammontare del corrispettivo in valuta corrente della prestazione, e delle prestazioni appendici, inoltre sulle le modalità di pagamento e l'ammontare delle aliquote e le imposte.
p) Tracking: Conversazione unilaterale via posta elettronica con la quale la Società comunica al committente la conclusione di ogni singola azione, informandolo con diretta conoscenza, sull'operato e promuovendo la Società a procedere alla azione successiva.
q) GDPR. Acronimo di General Data Protection Regulation Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/Aprile 2016.
r) Estensione file: L'estensione di un file, in ambito informatico, è un suffisso, ovvero una breve sequenza di caratteri alfanumerici (tipicamente tre), posto alla fine del nome di un file e separato dalla parte precedente con un punto, attraverso il quale il sistema operativo riesce a distinguerne il tipo di contenuto (testo, musica, immagine, video...) e il formato utilizzato e aperto, di conseguenza, con la corrispondente applicazione.
s) Slider: Uno slider è un componente grafico (widget) con il quale un utente può impostare un valore muovendo un indicatore, solitamente con uno spostamento orizzontale. In alcuni casi l'utente può anche cliccare in un punto dello slider per cambiare le impostazioni.
t) Rotator: Un rotator è un codice informatico che permette di avere un controllo di movimento fotografie grazie ad un'indicatore che è quasi posto ai lato o sotto. Le foto si muoveranno con apparente movimento di rotazione. A titolo esemplificativo e non esaustivo: provenienza da destra; da sinistra; da sopra; da sotto e casuale.
u) “Gallery”: Raccolta di foto, racchiuse in una cartella file, che tenute in considerazione, dal committente, vengono poste nella struttura e sottoposte con vari controlli grafici.
v) Error 404: L'errore 404 (o Not Found, inglese per non trovato) è un codice informatico di stato standard del protocollo HTTP.
Con questo, viene indicato che il client è in grado di comunicare con il server, ma che il server non ha trovato ciò che è stato richiesto, o il server è stato configurato in modo tale da non completare la richiesta. L'errore 404 non deve essere confuso con "server non trovato" o simili errori, dove la connessione al server non può proprio essere stabilita.
z) Rewiev: letteralmente recensione, critica o entrambe.

Art.3.
Campo di applicazione.
- Codice Civile, cui titolo III capo I del lavoro autonomo;
- Codice Civile, cui Articolo 1341 Codice civile e successivi;
- Art 15 comma 1 D.P.R. 633/1972;
- Il Codice del Consumo.

Art 4.
Fornitura generale.
1) Video istruzioni di utilizzo.
Si fornisce supporto audio e video inerente l'utilizzo per l'area di controllo e gestione. Inoltre verrà masterizzato ad uso esclusivo del committente, l'intero contenuto su CD ROM o DVD ROM. Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.
2) Aspetto visivo.
La fornitura concerne: le tinte; i colori, i tracciati; le forme di una carcassa (template); l' inserimento di marchi e logotipi di proprietà del committente; i caratteri tipografici; l'illustrare; la impaginazione di testi e foto e del sito internet. Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.
3) Template e siti martiri.
3.1 template
3.2 Siti martiri (usa e getta).
Il template successivamente implementato in codice informatico, verrà poi posto e occupato su un sito internet ad uso interno della Società. L'indirizzo di tale sito internet verrà comunicato con posta elettronica. Una volta approvato, l'elaborato verrà poi totalmente trasferito nel dominio e hosting acquistato in nome e conto cliente ai sensi del art 15 comma 1 DPR 633/1972 dalla Società. Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.
4) Materiale fotografico.
Il materiale presentato dovrà essere in formato digitale.
Dimensioni delle fotografie: 1024 x 768 pixel per le orientate orizzontalmente o superiori.
768 x 1024 per le orientate verticalmente, o superiori.
Per la loro risoluzione: 72 dpi o superiore.
Le Fotografie in supporto non digitale o altrimenti, dovranno essere elaborate con apparecchiature specifiche, si rimanda quindi a determinazioni e definizioni con un' accordo cliente.
Le Fotografie eseguite dalla Società, copie di queste, verranno riconsegnate. Per foto ritocco, si intendono quelle azioni su materiale in possesso del committente, prima dell'esecuzione della commessa di cui: la riflessione; la inclinazione; il ridimensionamento; la amputazione; i contrasti; le tinte; i bianchi e neri; i neri di seppia e altre azioni.
5) Stesura, scrittura codici informatici.
6) Token per accesso area di controllo e gestione.
7) Backup dell'elaborato.
8) Dominio.
9) Hosting.
10) Mappe: Si inserirà la sede della attività del committente, le sue unità locali, i magazzini e altro a lui riconducibile con un incorporamento di codice informatico all'interno della struttura, in modo tale che si evidenzi la località in questione e il circondario (palazzi; le vie; gli svincoli autostradali vicini, ecc.), inoltre le relative indicazioni stradali; il trasporto pubblico e le piste ciclabili per raggiungerla.
11) Cookies informativa.
12 ) Icone e collegamenti di siti di social network.
13) Pagina del Error 404.

Art 5.
Modifiche unilaterali.
Il Committente, potrà usufruire di un'area di gestione e controllo, con la quale avrà la possibilità di effettuare le seguenti operazioni:
1. Testi per il sito internet. Aggiungere/Togliere.
2. Fotografie per il sito internet. Aggiungere/Togliere.
3. Voci per i menù del sito internet. Aggiungere/Togliere.
4. Altro, specificato nell'accordo cliente.

Art. 6.
Lingue straniere.
Saranno determinate, definite nell'accordo cliente.
Se il committente dovesse non disporre già di testi tradotti, tali attività di traduzione, saranno effettuate in nome e conto cliente ai sensi del Art 15 comma 1 D.P.R. 633/1972.
Art. 6 Bis.
Limitazioni di responsabilità.
La Società si riserva sulla fattura del testo tradotto dalla lingua italiana alla straniera già pervenuto alla stessa, da parte del committente.

Art 7.
Testi contenuti nel sito.
I testi dovranno già essere pervenuti alla Società in formato digitale e in particolar modo corretti da ortografie e grammatiche da parte del committente. Eventuali attività di stesura testi, verranno definite e determinate con un'accordo cliente ed eseguite a nome e conto cliente ai sensi del Art. 15 comma 1 DPR 633/1972.
Art 7 Bis
Limitazioni di responsabilità.
La Società si riserva sulla ortografia e grammatica dei testi forniti dal committente.

Art. 8.
Marchi; i loghi e i logotipi.
Il materiale indicato in oggetto deve essere di idonea lettura e modifica da parte delle apparecchiature della Società, questo sarà riconsegnato alla Committente. I file dovranno essere in formato vettoriale. Si pone una eccezione, a materiale presentati già in supporto cartaceo ovvero presenti su foglio di carta bianco in formato unificato A4.

Art 9.
Caratteri tipografici.
Il materiale indicato, dovrà già essere tassativamente consegnato in formato digitale e con estensione file “.ttf” avente già permessi di apertura e modifica da parte delle apparecchiature della Società. Il carattere tipografico deve già avere la totale copertura alla lingua interessata, e sempre quella italiana. La copertura interessa le grafie usate per rappresentare esattamente la pronuncia di una parola, ovvero il complesso dei segni costituenti l'alfabeto fonetico della lingua interessata. A titolo esemplificativo e non esaustivo: le lingue scandinave; il greco; il russo e l'arabo.
Art. 9 Bis.
I caratteri tipografici liberi e distribuibili (Google font, Da Font.com, ecc.).
Verranno determinati e definiti in un' accordo cliente.
Art. 9 Tris.
Committente già sprovvisto di caratteri tipografici.
La Società, definendo e determinando in un' accordo cliente l'aspetto del carattere tipografico quale la famiglia (sans-serif; times; ecc.) e il ceppo della lingua interessata (alfabeto fonetico e grafie) e sempre quella italiana, produrrà software in formato “.ttf”.
Art 9 Quater.
I caratteri tipografici sottoposti a licenza d'uso e quelli a pagamento.
La Società si riserva di effettuare una programmazione software straordinaria di conversione del file sottoposto a licenza: una da file avuto a estensioni quali: il “.ttf”; il “.OTF”, il “.WOFF”; il “.WOFF2” e il “.SVG” e una in linguaggio “.css”, definita e determinata in un' accordo cliente.

Art 10.
Video.
La presente condizione generale di contratto, non prevede video oggetto: di produzione; di montaggio; di titolatura; di sotto titolatura ed altre operazioni inerenti.
Art.10 Bis.
Video di proprietà del committente.
La presente condizione generale di contratto, pone un'eccezione in merito a collegamenti telematici di video già di proprietà del committente, che possono anche essere ingranditi e aperti in altre schede di navigazione del browser nella modalità: “_blank”.
Questi video, però sono già riconducibili e presenti su piattaforme terze: You Tube, Vimeo, Daily Motion, ecc. e quindi posti lì e non nell'hosting. Risultano proiezioni site all'interno della sagoma (template), visualizzabili con loro player multimediali quindi sottoposti alla proprietà industriale.
Art. 10 Tris.
Video eseguiti dalla Società.
Verranno determinate e definite le modalità di: produzione; di montaggio; di titolatura; di sotto titolatura ed altre operazioni inerenti con un'accordo cliente.

Art 11.
File scaricabili; l'area download.
Per estensioni al sito internet con la quale sia prevista una disposizione atta allo scaricamento di file anche in contemporanea, si determina e si definisce ciò con un' accordo cliente.

Art 12.
Modifiche successive.
Implicano una nuova determinazione e definizione di un nuovo accordo cliente.

Art 13.
Operazioni per i motori di ricerca.
Queste sono determinate e definite nell'accordo cliente, il cui committente compilerà un formulario con la quale manifesterà gli estremi geografici; i settori merceologici o altrimenti affini la ricerca.

Art 14.
Motori di ricerca.
Il sito verrà inserito e pubblicato nei motori di ricerca: Google, Ing, Yahoo. Tempistiche inerenti allo posizionamento del sito internet nelle liste dei motori di ricerca, vengono determinate e definite in un' accordo cliente.

Art 15.
Componenti terzi e ditte terze.
La Società ha accordi di fornitura e collaborazione con ditte terze, le quali operano sotto la sua responsabilità.

Art 16.
Causa illecite.
Per motivi riconducibili a fatti: i materiali scabrosi; i pornografici; i sovversivi; i riguardanti politiche restrittive delle forze dell'ordine e le fonti del diritto, la Società non si assume la responsabilità di fornire ulteriori informazioni in merito a preventivi ed offerte.

Art 17.
Del dominio.
Il committente possiede già una casella di posta elettronica valida in corso e in suo uso esclusivo, prima della stipulazione, ovvero la Società acquista ai sensi del Art 15 comma 1 DPR 633/1972 in nome e per conto del cliente (committente).
Art 17 Bis.
Del trasferimento e legittimazione del dominio.
Ai sensi del 1376 Codice Civile, la Società sotto la sua responsabilità affida ad il fornitore dominio, una registrazione presso le anagrafe dei domini e quindi ottiene dalla stessa, immediatamente, il diretto uso esclusivo di utilizzo. Ai sensi del 1377 Codice Civile, il dominio acquistato, la sua fornitura e distribuzione, ha come durata: un' anno (365gg) dalla data di fatturazione.
Si acquista presso: “registro anagrafe dei domini Internet .it”. Il registrante ha facoltà e poteri di “registrar” ed è sottoposto al diritto della Repubblica Italiana ovvero di legittimazione presso il “NIC.IT” in Consiglio Nazionale delle Ricerche Area della Ricerca di Pisa, Via Giuseppe Moruzzi, 1, 56124 Pisa PI.
Art 17 Tris.
Committente privo di casella di posta elettronica.
Il committente risulta già essere privo di casella di posta elettronica. La Società si obbliga, determinando e definendo con un' accordo cliente, la creazione di una casella di posta elettronica, valida e idonea all'acquisto del dominio verso il fornitore hosting, Ai sensi del Art 15 comma 1 DPR 633/1972. La Società si obbliga a fornire tutte le password e nominativi utenti, al committente, in modo che possa pervenire alla sua lettura (scaricare posta) in modo autonomo. Le modalità di determinazione; di definizione e di uso saranno presenti in un' accordo cliente.
Art 17 Quater.
Estensione del dominio.
L'estensione del dominio che la Società è obbligata all'acquisto è: “.it”, ovvero Italia. Qual' ora il nominativo del dominio richiesto, risulta già stato assegnato, la Società comunicherà al committente e si determinerà e si definirà un nuovo nominativo.
Art 17 Quinques.
Rinnovo del dominio.
Il committente, dispone di sufficienti disposizioni da parte fornitore dominio quindi, alla scadenza del contratto annuale, questo sarà informato via posta elettronica da parte della stessa.
Art 18 Sexies.
Limitazione di responsabilità.
Il Servizio acquistato viene svolto in nome e conto cliente ai sensi del Art 15 comma 1 DPR 633/1972. La Società si riserva di gestire le scadenze del dominio del committente (agenda; il taccuino).
Per tanto, si definirà e si determinerà un' accordo cliente in merito.

Art. 18.
Hosting.
Il committente possiede già una casella di posta elettronica valida in corso e in suo uso esclusivo, prima della stipulazione, ovvero la Società acquista ai sensi del Art 15 comma 1 DPR 633/1972 in nome e per conto del cliente (committente).
Art 18 Bis
Trasferimento Hosting.
Ai sensi del 1377 Codice Civile, hosting acquistato dalla Società; la sua fornitura e distribuzione, ha come durata: un'anno (365gg) dalla data di fatturazione. Avrà capacità di 10 Gbyte. Il fornitore hosting, incaricato sotto la responsabilità della Società, successivamente al suo buon esito di vendita, comunicherà tramite posta elettronica alla casella di posta elettronica del committente le credenziali di accesso, per l'inserimento dei contenuti. E' fatto obbligo al committente di rendere a conoscenza l'avvenuto inizio della somministrazione hosting (mail avente oggetto: invio dei dati di account hosting o altrimenti) alla Società, obbligandola a iniziare la procedura.
Art 18 Tris.
Committente privo di casella di posta elettronica.
Quando il committente risulta essere privo di casella di posta elettronica. La Società si obbliga, determinando e definendo con un' accordo cliente, la creazione di una casella di posta elettronica, valida e idonea all'acquisto del dominio al fornitore hosting. Ai sensi del Art 15 comma 1 DPR 633/1972.
La Società si obbliga a fornire tutte le password e nominativi utenti, al committente, in modo che possa pervenire alla sua lettura (scaricare posta) in modo autonomo. Le modalità di determinazione; di definizione e di uso saranno discusse in un' accordo cliente.
Art 18 Quater.
Rinnovo del hosting.
Il committente, dispone di sufficienti disposizioni da parte fornitore hosting, quindi, alla scadenza del contratto annuale, questo sarà informato via posta elettronica da parte della stessa.
Art 18 Quinques.
Limitazione di responsabilità.
Il Servizio acquistato viene svolto in nome e conto cliente ai sensi del Art 15 comma 1 DPR 633/1972. La Società si riserva di gestire le scadenze del hosting del committente (agenda; il taccuino).
Per tanto, si definirà e si determinerà un' accordo cliente in merito.

Art 19.
Modalità di pagamento.
La presente condizione di servizio prevede corrispettivi in valuta corrente nelle modalità indicate:
- Bonifico Bancario.
- Assegni non trasferibili.

Art 20.
Cronologia ovvero come si succedono le esecuzioni dei pagamenti.
Il committente corrisponde il corrispettivo in valuta corrente, nelle disposizioni sotto elencate, dopo avere stipulato con firma queste condizioni generali di contratto, l'accordo cliente appendice, l'ordine di servizio.
Il committente viene informato sulle dinamiche in modo progressivo e frazionato per azioni, grazie al documento DIC tramite posta elettronica. Si dispongono quindi 4 Fatture, in relazione tra loro con riferimenti.

Art 21.
Efficacia dell'acconto.
La fattura emessa a titolo di acconto, ha validità un' anno(1) dalla data di emissione. Qual' ora non si ricevesse nessuna collaborazione a titolo continuativo affine al buon proseguimento o una richiesta di diritto di recesso, tale comportamento è giudicato unilaterale, e pone quindi la Società a non proseguire facendo interrompere le collaborazioni.
La Società emetterà una fattura definitiva di valore pari al corrispettivo espresso in acconto.

Art 21.
Diritti di Recesso.
1) Dominio: La Società non effettua diritto di recesso poiché acquisto in nome e conto del cliente ai sensi Art 15 comma 1 DPR 633/1972.
2) Hosting: Si effettua diritto di recesso senza motivazione entro 8 (otto) giorni dalla emissione della fattura della fornitore hosting.
3) Accordo cliente: Il committente può recedere in modo unilaterale, indennizzando la Società dal lavoro già maturato e compiuto i sensi del 2227 Codice Civile. Le procedure di rilascio verranno determinate e definite nello stesso accordo cliente. Il committente che decide di recedere dalle condizioni generali di contratto recede anche dall'accordo cliente in quanto sua appendice.
4) Condizioni generali di contratto: Il committente al momento della stipula, ulterioremente stipula ai sensi del Codice Civile, cui titolo III capo I del lavoro autonomo: le condizioni generali di contratto; il DIC; l'accordo cliente appendice (eventuale) e l'ordine di lavorazione. La Società durante l'esecuzione dell'incarico, rende noto al committente mediante: ”tracking”, la conclusione di ogni singola azione, presente nel DIC. Questo, informato con diretta conoscenza, le approva confermandole tramite posta elettronica e promuove la Società a procedere alle azioni successive ed infine alla implementazione. Grazie al D.I.C. conferirà alla Società il valore espresso in corrispettivo in valuta corrente, delle azioni che la stessa ha già risolto.

Art 22.
Della sospensione di queste condizioni generali di contratto.
Il Committenente può sospendere queste condizioni generali di servizio, l'accordo cliente per motivazioni ritenute personali: le ferie; i motivi di famiglia ecc. e comunque non oltre mesi due (2) continuativi, ovvero sessanta (60) giorni dalla data di stipula di queste condizioni generali di servizio in tal caso le fatture emesse come titoli di acconti diverranno definitive i rapporti di collaborazione cesseranno.

Art 23.
GDPR.
La sua stesura e pubblicazione, ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/Aprile 2016, verrà eseguita in collaborazione con il committente, per motivazioni inerenti a procedure che sono di competenza; di spettanza; di pertinenza e di interesse dello stesso. In particolar modo sugli stabilimenti principali e secondari. Il lavoro effettuato in collaborazione verte sul trattamento dei dati personali che il committente raccoglie col sito e con le caselle di posta elettronica ad esso collegate, inoltre: gli archivi; la designazione di un titolare del trattamento dati personali; il rappresentante; l'autorità di controllo; la Società o soggetto gestore dei dati personali; i trattamenti transfrontalieri; i soggetti terzi presenti e interessanti il trattamento dati personali. Qual'ora il committente, dovesse già disporre di protocolli; di procedure ai sensi del regolamento o altrimenti, sarà lui stesso a fornirlo alla Società, in formato digitale .pdf, sollevando la Società dagli obblighi che ne deriverebbero.

Art.25
Animazioni di fotografie (i Slider; i Rotator e le “Gallery”).
Animazioni di fotografie, come le dissolvenze (Fade) verranno determinate e definite in un accordo cliente.

Art. 26
Applicazioni Mappe (trova ristoranti; cerca punti vendita, ecc.)
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art. 27
I “Panorama” e VR.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art. 27
I “Iframe” e PopUp.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art. 28
I “Forms”, i moduli da compilare, testimonianze , “le Rewiew”.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art. 28
Le News, “ultime notizie” e le news letter.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art.29.
Grafici, analisi.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art 30.
SmS.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art 31.
Chat, Forum, “Chi è in linea”.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art 32.
Sistemi di prenotazioni.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art 33.
Creazione, gestione di profili su siti di social network.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art 34.
CCK; List and Search.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art 35.
Extra e straordinari non presenti in queste condizioni generali di trasporto.
Verranno determinati e definiti in un 'accordo cliente.

Art 36.
La presente condizione generale di contratto per siti internet visualizzabili su telefoni cellulari e gli smartphone.
Verranno determinati e definiti in un'accordo cliente.

Art 37.
La presente condizione generale di contratto per siti internet visualizzabili su tablet.
Verranno determinati e definiti in un'accordo cliente.

Art.38.
Responsabilità di danno per prodotto difettoso.
Ai sensi Titolo III del Codice del Consumo la presente condizione generale di contratto e i suoi accordi clienti appendice, presenta il produttore-fornitore e il committente rispettivamente a: la Società e il committente.
Per tanto non ha elementi di serialità, e di commercializzazione ovvero di una sua disposizione e successione in ordine seriale e di un suo canale di vendita. Ai sensi del Codice del Consumo, la presente condizione generale di contratto, e gli accordi cliente appendice, rendono il committente informato direttamente, in merito al suo contenuto la sua implementazione e le modalità di recesso.
Art 38 bis
Responsabilità del fornitore; la richiesta di prodotto difettoso.
Ai sensi del Codice del Consumo, la richiesta deve essere fatta per iscritto e deve contenere l'identificativo dell'ordine di lavorazione, entro 3 mesi e 1 giorno dalla data dell'ultima fattura (saldo). Il committente deve provare per iscritto la diretta correlazione tra danno e difetto. In ogni caso la Società effettuerà a proprie spese: Backup Root e SQL, Antispam e Anti virus, backup storico della posta elettronica.
Art 38 Tris.
Danno risarcibile.
Con riferimento a danni materiali (svantaggi) se il corrispettivo dell'oggetto in questione, il sottoposto a difetto o altrimenti, risultasse superiore a: 385 (trecentoottantacinque) Euro e sempre, la Società si ritrovasse in impossibilità di risarcire ovvero riparare o aggiustare, indennizza pareggiando il danno con un corrispettivo in valuta corrente. In riferimento al corrispettivo, la Società espressamente risarcisce, lo specifico e il distinto nonché emerso danno al committente. In riferimento al danno, la Società fornisce una distinta dei componenti utilizzati, allo scopo di collaborazione e di facilitazione. La Società fornisce copia (backup) dell'elaborato, quale lo storico della la posta elettronica, i SQL già al istante della presentazione della richiesta del danno, solamente nei casi i cui il committente, risulta essere sprovvisto di posta elettronica vedi: Art 18 Tris e Art 17 Tris Committente privo di casella di posta elettronica.

Art 39
Azioni conseguenti il risarcimento danno.
Il committente in collaborazione con la Società valuta, come obbligarsi dopo l'azione di richiesta di risarcimento danno. Esempio a titolo esemplificativo e non esaustivo: Incassa e ottiene corrispettivo a titolo di risarcimento e mantiene la fornitura generale. Sollevando la Società dagli obblighi che ne deriverebbero.

Art 40
Impossibilità sopravvenuta dell'esecuzione dell'opera.
La Società incassa una Fattura con lo scopo di inizio lavori. Le impossibilità risultano essere ai sensi del Art 1256 Codice Civile; Art 2228 Codice Civile; Art. 2227 Codice Civile. La Società comunica tempestivamente al committente distinguendo la natura della impossibilità con una raccomandata con ricevuta di ritorno. Se è di natura temporanea, una volta risolta, questa prosegue. Se è di natura persistente, questa si porta a compimento l'impossibilità.
Art 40 bis
Natura persistente.
Se la sopravvenuta persistente, risulta essere causa di azioni e attività della fase dipendente dalla Fattura 1, la Società rimborsa. Se la sopravvenuta persistente risulta essere causa di azioni e attività della fase dipendenti tra: Fattura 1 e le altre Fatture, la Società rimborsa il corrispettivo dei componenti terzi avuti ai sensi del Art 15 comma 1 DPR 633/1972. Il committente indennizza la Società per le opere che ha già maturato. Sollevandosi dagli obblighi che ne derivano.
Art 40 Bis
Tempistiche per le sopravvenute di natura temporanea.
2 (due) Mesi. Oltre si procede con la natura persistente.

Art 41.
Conclusione del contratto ovvero efficacia delle presenti condizioni generali di servizio.
La presente si ritiene conclusa nel momento in cui il committente stipula con firma queste condizioni generali di contratto; l'accordo cliente appendice (eventuale); il D.I.C e l'ordine di lavorazione.

Art 42.
Delle competenze delle autorità giudiziarie.
Foro sito Tribunale di Belluno, Via Girolamo Segato, 1, 32100 Belluno.


Cordialità.
Ingranaggi Creativi Srls
Piazzale della Resistenza, 4
32100 Belluno
P.IVA: 01213600255
C.F: 01213600255
REA: BL – 412610.